Livopan

L’epidurale dei poveri: gas esilarante alle partorienti

ROMA – Partorirai con dolore? No, con una risata, o con il sorriso sulle labbra. Almeno all’ospedale Buzzi di Milano, dove da luglio si è  iniziato a sperimentare l’utilizzo del protossido di azoto, meglio noto come gas esilarante, in sala parto, e si è visto che esso è in grado di ridurre il dolore nelle partorienti fino al 50%. Lo rende noto Ida Salvo, responsabile del reparto di Anestesia, rianimazione e terapia intensiva pediatrica della struttura. ”Si tratta di un farmaco antico, già usato dai dentisti nell’Ottocento – spiega – e assolutamente sicuro, che si assume per inalazione e viene eliminato con il respiro, senza alcun effetto per fegato e reni”.

Sostanzialmente le partorienti, dopo una breve spiegazione, respirano da una particolare mascherina il gas mischiato a ossigeno a seconda della necessità quando arriva la contrazione e smettono quando passa. ”Si tratta di un analgesico lieve – continua Salvo – che riduce il dolore del parto del 40-50%, ma che non sostituisce l’anestesia peridurale. Certo, considerando che solo il 19% degli ospedali italiani la offre, può essere una valida ed economica alternativa per le partorienti e gli ospedali, visto che non necessita dalla presenza di un anestesista, ma basta solo formare ostetrici e ginecologi. Si può usare anche nei casi in cui l’anestesia è sconsigliata, o dopo il parto, quando si mettono i punti”.

Tra l’altro, durante la sperimentazione si è visto che il 20% delle donne che hanno respirato il protossido d’azoto, dopo non hanno più voluto l’anestesia peridurale. Il gas esilarante già da qualche tempo è usato a questo scopo negli Stati Uniti e Regno Unito. In Italia è usato solo nelle sale operatorie ma non fuori, per evitare tossicità da esposizione cronica negli operatori sanitari. Ma con la sperimentazione di questa doppia mascherina e un particolare sistema di aspirazione del gas, si è visto che non vi è alcun inquinamento ambientale, e dunque nessun rischio per gli operatori.

 

da: http://www.ladyblitz.it

 

Share Button